Sumo Digital non è un nome nuovo nel panorama dello sviluppo di videogiochi, nemmeno su console Nintendo dove, tra Sega All Star Racing e Disney Infinity, molti appassionati hanno già avuto modo di testare le loro capacità di programmatori. Ma questa volta è diverso: con Snake Pass il team si affaccia direttamente ai consumatori con una produzione “indie” distribuita su piattaforme digitali, presentando una IP tutta nuova, proprietaria, accompagnata da un carico di novità e freschezza sia sul versante ludico che grafico. La curiosità generata attorno a questa release è aumentata, non a caso, dopo la conferma dello sviluppo di una versione per Nintendo Switch, vuoi per l’approccio stilistico molto vicino alle corde dei platform 3D molto diffusi presso il pubblico appassionato della grande N, vuoi per la presenza alla OST di un certo David Wise (capace di aumentare l’alone “Rare” attorno a questa produzione), ma anche per l’utilizzo del motore grafico Unreal Engine 4 che, proprio con questa creazione indipendente, trova la sua prima incarnazione sull’hardware di Kyoto. Scopriamo assieme se l’attesa ha ripagato in termini di qualità e divertimento.

Snake Pass è un gioco molto atipico, e forse per questo ne siamo rimasti affascinati. Difficile infatti definirlo: un po’ platform, un po’ puzzle ma anche adventure, propone un gameplay senza dubbio dal ritmo compassato, perfettamente in linea con i realistici movimenti del nostro avatar. Nel titolo infatti impersoniamo un serpentone indolente, che può muoversi strisciando sul terreno, o arrampicarsi lungo diversi elementi ambientali a patto di attorcigliarsi attorno ad essi. Al nostro fianco, un uccellino che, in determinate occasioni, può rivelarsi utile nel sollevarci la coda, aiutandoci in piccoli spostamenti lungo dislivelli articolati sull’asse verticale. Il nostro compito, in questo mondo naturalistico accompagnato da misteriose e apparentemente antiche costruzioni architettoniche, sarà quello di raggiungere il portale capace di teletrasportarci al livello successivo, previa attivazione dello stesso tramite il recupero di alcune pietre magiche, nascoste nel quadro attuale. Cosa più facile a dirsi che a farsi, almeno al di fuori del primo “mondo”.

Ai movimenti particolari del serpente corrispondono controlli altrettanto atipici, ma ben congegnati: con l’analogico decideremo la direzione di spostamento del corpo del serpente, che però per aumentare la velocità dovrà zig-zagare, invitandoci a muovere l’analogico non semplicemente in avanti, ma lungo un percorso più sinuoso. Il movimento vero e proprio però è attivato dal tasto dorsale R; la A invece fa alzare il muso al serpente, così da permetterci di iniziare le “scalate” verso livelli più sopraelevati, ma solo a patto di trovare una presa, con le nostre spire. Azione non banale, aiutata dalla “stretta”, attivabile dall’altro dorsale L. Più complicato a leggersi che a farsi, questo sistema di controllo necessita qualche minuto per essere appreso e diventare naturale per il giocatore, ma una volta entrati nella “forma mentis” del serpente stesso, tutto inizierà ad avere più senso e a permetterci un’esplorazione sempre più articolata, ben accompagnata dalla crescita graduale della complessità dei livelli stessi. Tutti i tasti sopra elencati, infatti, finiranno per dover essere utilizzati in combo tra loro, in un’alternanza di piccoli tocchi e aggiustamenti lenti, ma costanti, proprio a riproposizione della sinuosità di spostamento tipica dei rettili. E forse questo è l’aspetto più riuscito del gioco, cioè quello di farci entrare nella testa (e nel corpo) del serpente stesso

7 Commenti

    • Non è il punto forte, a meno di essere interessati alla “rigiocabilità” dei livelli, per completarli al 100% raccogliendo tutti i collectibles, in attesa anche della modalità Time Trial che verrà “patchata”. Sono circa una ventina di livelli divisi in 4 mondi, mi sembra.

    • uh si zack e wiki lo vorrei anche io, potrebbero sbizzarrirsi su switch con puzzle basati sul motion, sul rumble HD e sulle altre feature dei joycon

    • Non dò molta fiducia a quel cialtrone di Jim Sterling, ma le voci su uno Yooka & Laylee con problemi si stà spargendo.
      Ho puntato molto su quel gioco perchè è Rare fino al midollo e vedere uscire qualcosa meno che buono sarebbe triste.

  1. […] Snake Pass è ufficialmente il primo gioco sull’eShop di Switch a ricevere uno sconto. Ed è pure un’offerta sssuccosa, visto che gli originari 19,99€ lasciano posto agli 11,99€, con uno sconto ben del 40%! L’offerta è già valida, e tale rimarrà fino al 4 luglio. Strisciate subito a prenderlo e, nel caso foste ancora indecisi, ridate pure un’occhiata alla nostra recensione. […]