Capcom sta preparando diversi titoli per Switch

Cosa ci aspetta dalla famosa casa giapponese?

Dopo gli ottimi risultati di vendita di Ultra Street Fighter II – The Ultimate Challengers, Capcom ha deciso di dar seguito alle precedenti dichiarazioni riguardanti l’inclusione di Switch nei suoi sviluppi multipiattaforma: è di oggi la conferma che la famosa casa giapponese stia preparando lo sviluppo di diversi software per l’ammiraglia di Nintendo. Ecco le esatte dichiarazioni riportate dai giornalisti del Wall Street Journal:

Capcom: 450 mila copie di Ultra Street Fighter II in un solo quarto di anno, ben sopra le aspettative. Capcom sta iniziando a preparare numerose versioni Switch di molti suoi titoli.

Non ci resta che attendere l’ufficializzazione di questi giochi in arrivo, sperando che Capcom non ci faccia aspettare troppo tempo!

6 Commenti

  1. L’unico che mi interessa è Monster Hunter XX, magari portassero Dragon’s Dogma, ma sicuramente ci appiopperanno Revelations 2 e e qualche episodio di Dead Rising e l’ennesima megaman collection :/
    (Ma magari annunciassero Street Fighter 4 Arcade o SF5, meglio ancora Marvel vs Capcom…)
    Ciò mi rende triste

    • Beh, dopo la fuga di cervelli che avvenuta da Capcom: Clover Studio -> Platinum Games, Suda 51 e Mikami e il papà di Megaman di cui mi sfugge il nome, il livello qualitativo dei giochi Tripla A sviluppati da Capcom è lungi dai vecchi fasti.
      Aspetto solo MH XX solo perché sono curioso di provare la serie e mi sembra più user friendly e sarei contento di vedere Dragon’s Dogma perché mi pareva un bel gioco che ho su steam, ma odio giocare al PC. (Anche se dovrò scendere a compromessi per giocarmi Nights Of Azure prima che esca il 2 su switch).
      Apro una parentesi, da bambino, adolescente e ragazzo il logo Capcom mi faceva venire la pelle d’oca in senso positivo, Idem per Squaresoft poi divenuta Squarenix (Eidos), ora son sempre più scettico. Per non parlare di Konami che senza Kojima ormai è morta e il suo asso nella manica è pes.
      Il mondo delle software house è cambiato molto, se dovessi avere hype per quelle attuali giapponesi ormai (tolta Nintento), mi fido solo di Atlus, Tecmo Koei, raramente Sega, Namco è diventata l’Ubisoft (o EA) giapponese. (che ti sforna un tales e un dragonball\onepiece a cadenza annuale) o un bug spacciato per gioco hardcore (non faccio nomi).