L’eShop che verrà: SteamWorld Dig 2

Che il piccone sia con te!

Bentornati a L’eShop che verrà, l’appuntamento periodico la cui cadenza irregolare lo fa sembrare tutto, tranne che periodico. In queste prime settimane vi abbiamo condotto nei cunicoli sotterranei della produzione indipendente in arrivo su Switch, magari facendovi scoprire titoli che non avevate mai sentito nominare prima d’ora o che erano semplicemente scomparsi dai radar. E a forza di scavare, scavare e ancora scavare sempre più in profondità… Ci siamo resi conto che è tempo di chiamare dei professionisti del piccone.

Forse più conosciuto di altri giochi trattati in questa rubrica, ma se dobbiamo analizzare l’eShop di Switch dell’imminente futuro, non si può non parlare di SteamWorld Dig 2. In realtà si tratta anche di un futuro piuttosto prossimo, considerando che questo secondo capitolo uscirà in esclusiva temporale sulla console ibrida di Nintendo già il 21 settembre, ma ogni scusa è sempre buona quando si tratta di giochi promettenti. Perché di fatto la scandinava Image & Form in questi anni è sempre riuscita a produrre contenuti interessanti, originali, ma sempre molto appetibili anche al grande pubblico.

Questo vero e proprio seguito è ambientato nell’universo steampunk creato dagli sviluppatori e nel quale già avevamo potuto apprezzare le vicende di Rusty nel primo Dig e le avventure spaziali dei pirati dello spazio di Heist. Questa volta si torna sottoterra, ma questo non vuol dire che sarà tutto come prima (vade retro, more-of-the-same!). Ovviamente continueremo ad impugnare il piccone creandoci il nostro sentiero nelle misteriose e sorprendentemente variegate profondità terrestri; torneremo anche a raccogliere materiali e pietre preziose da rivendere in superficie per ottenere potenziamenti utili a proseguire la spedizione, ma molto altro ci aspetta.

A differenza del primo capitolo, la mappa non sarà più generata proceduralmente, il che significa che questa volta gli sviluppatori si sono concentrati maggiormente sul level design, tanto da rendere il gioco un vero e proprio metroidvania. Tra una picconata e l’altra, acquisiremo nuove abilità che ci permetteranno di accedere a sezioni prima irraggiungibili. Nella demo circolata sul web finora, ad esempio, viene mostrato come sia possibile sbloccare un potenziamento che permette di utilizzare il vapore acqueo (steam) per effettuare brevi scatti e superare barriere a tempo altrimenti invalicabili. Il mondo esplorabile sarà decisamente più vasto, disseminato di piccole cittadine e di boss che sembrano nascondere segreti inquietanti.

 

Ma perché tornare a scavare e rischiare la vita in mezzo a mille pericoli? Innanzitutto c’è da precisare che non vestiremo gli ingranaggi di Rusty, bensì quelli della giovane Dorothy, presente nel primo capitolo in qualità di rivenditrice di beni a caro prezzo. Il motivo è semplice: Rusty è scomparso in circostanze misteriose e la protagonista è intenzionata a fare di tutto per ritrovarlo. E non c’è roccia troppo dura che la possa fermare.

Se anche voi vi siete innamorati delle strampalate avventure di questi carismatici robot, esultate, perché l’attesa è ormai quasi finita. E per gli altri, se ve lo siete fatto sfuggire, eccovi l’ultimo trailer che promette scintille.

Ci vediamo presto in superficie con un nuovo Nindie!

3 Commenti