Metamorphosis: scopri i retroscena del platform kafkiano a misura di scarafaggio

Gli sviluppatori del gioco ispirato al racconto "La metamorfosi" ci svelano il loro processo creativo.

Dopo avervene parlato a fine febbraio, Ovid Works ha rivelato il suo primo diario degli sviluppatori per Metamorphosis, un platform in prima persona ispirato all’omonima novella di Franz Kafka e rivisitando il personaggio del venditore Gregor Samsa mentre si ritrova trasformato in un piccolo insetto e intraprende una missione per salvare se stesso e il suo amico Joseph arrestato per ragioni sconosciute.

Il gioco permette ai giocatori di intraprendere un viaggio pericoloso che è tanto strano, contorto e riflessivo quanto le opere letterarie di Kafka. Nel gioco ambientato nel 1920 a Praga, i giocatori dovranno saltare, salire e tracciare il proprio percorso attraverso una vasta gamma di ambientazioni viste in una micro-prospettiva, tra cui il mondo umano, il mondo sotterraneo abitato di insetti e una miriade di ambienti surreali.

“Franz Kafka fu praticamente il primo progettista di videogiochi. Creava dei labirinti nei suoi racconti. E oggi tutte queste cose sono possibili da ricreare sotto forma di un mondo che il giocatore può sperimentare” ha affermato il Game Director, Zaq Chojecki. “E sperimentando i mondi così complicati e impossibili, il giocatore arriva alle stesse domande e alle stesse riflessioni dei personaggi di Franz Kafka”.

Per altre interessanti considerazioni sul gioco in uscita questo autunno anche su Nintendo Switch, qui sotto potete trovare il primo diario degli sviluppatori. E se non siete ferrati con l’inglese, potete anche attivare i sottotitoli in italiano!