Altro giro altro campionato: puntuale come un orologio svizzero, ecco arrivare un nuovo capitolo di FIFA con l’inizio delle danze della Serie A. E non potrebbe essere altrimenti, considerando la natura sportiva a licenza dell’opera di Electronic Arts. Come tutti sappiamo, la famosa saga di simulazione calcistica ha esordito su Switch nel 2018, con un episodio interessante che prometteva di essere un’ottima base di partenza, pur con qualche lacuna. Lacune parzialmente colmate dall’episodio successivo, forse il più completo da tempo per console Nintendo, salvo poi passare alla decisione della casa madre di sedersi su un approccio al risparmio, introducendo da Fifa 2020 l’edizione Legacy, ufficialmente identica in tutto e per tutto alla precedente, tranne che per l’aggiornamento delle rose delle squadre. Inutile dire che, andando avanti negli anni, questa decisione finisca inesorabilmente per pesare sempre più, ed è con questo timore che ci affacciamo a giudicare Fifa 2021 Legacy Edition.

Il gioco in questione si affaccia sulla nuova stagione con un aggiornamento parziale delle rose (anche per la chiusura tardiva del calcio mercato) e poco più, in termini di grosse novità per i possessori della console ibrida della casa di Kyoto. Il resto, sia dal punto di vista tecnico che da quello prettamente ludico, sembra invariato. Le modalità di gioco sono del tutto mutuate dallo scorso capitolo, tra sfide rapide, campionati personalizzati in modalità carriera e tornei di diversa caratura: senza dubbio, dopo l’implementazione del gioco online contro la lista amici avvenuto con il secondo titolo per Switch, la longevità non è una pecca identificabile con l’opera qui presa in esame.

FIFA 21 si è beccato un 2, e difficilmente sarete in disaccordo

Dal punto di vista di quello che invece succede in campo, la sensazione di avere tra le mani un mero aggiornamento dell’anno precedente è innegabile: tutto, dalla dinamica del ritmo di palleggio, alle animazioni dei giocatori, senza dimenticare la fisica dei tiri, è mutuato esattamente da quanto già esperito in Fifa 20 (il che vuol dire sostanzialmente, da Fifa 19). Da un lato, chi ha già avuto modo di approfondire la sua conoscenza con il titolo sportivo simulativo di EA su Switch si troverà sin dalle prime battute di gioco a proprio agio, dall’altro non si può non ammettere la delusione nel trovarsi davanti una copia-carbone priva di qualsiasi slancio di innovazione, cambiamento o miglioria.

5 Commenti

  1. Ho letto in giro recensioni chiaramente polemiche, mentre secondo me vanno evidenziati anche gli aspetti positivi di questo gioco.
    Da un lato, è sempre stato dichiarato che sarebbe stata la Legacy edition, dall’altro il costo è inferiore alle versioni “nuove”. Ovvio, poi la valutazione è individuale, però…resta che il gioco è comunque divertente e molto longevo, adatto sia a una stagione individuale che a partite multiplayer. Personalmente, trovo molto invasiva la natura “e-sport a mtx” che ormai ha preso questo brand, indipendentemente dalla Legacy o meno…