Sniper Elite ritorna su Switch, questa volta con il quarto capitolo in tutto il suo italico splendore. La serie ha già visto diverse uscite sulla console di Nintendo, ma in questo caso si tratta di un vero e proprio capitolo “next-gen”, che ha visto gli albori su PS4 e Xbox One, capace dopo qualche tempo di approdare anche in salsa ibrida. Un gap temporale inferiore rispetto ai capitoli sviluppati finora, capace sulla carta di sfruttare meglio il reale potenziale di Switch sotto svariati punti di vista. Era quindi con fiducia che ci siamo avvicinati a questa opera e, ci teniamo a ribadirlo sin dalle prime battute di questa recensione, le nostre speranze non sono state tradite né deluse. Ma andiamo con ordine: Sniper Elite 4: Italia merita tutta la vostra attenzione.

Per chi non la conoscesse, la serie di Rebellion narra le geste di eroi solitari, “one-man army” alle prese con situazioni belliche problematiche soprattutto per l’enorme disparità di forze in campo: uno contro tutti, armati prevalentemente di fucili di precisione per tiri dalla distanza. Sfruttando le proprie abilità di tiratore e l’attenta esplorazione degli ambienti circostanti, nel lungo corso della saga il protagonista si è trovato a sventare i piani dei nazisti durante l’intero ciclo della seconda guerra mondiale, accompagnato dall’altro elemento cardine del brand: moviola e raggi-x per aumentare l’effetto scenografico delle uccisioni. Anche il quarto capitolo mantiene questi capisaldi, ovviamente, lavorando sapientemente nel migliorare i suoi aspetti fondanti, finendo per risultare il miglior capitolo della saga.

Il "Plus" di Sniper Elite 4: non trascuratelo!

In questo episodio, sottotitolato Italia, ci troveremo alle prese con il compito di eliminare generali tedeschi in territorio peninsulare: il Bel Paese non è soltanto un pretesto storico, ma finisce per aggiungere un valore alla struttura dei livelli e delle mappe di gioco, primo punto forte di questa quarta incarnazione dello sparatutto in terza persona di Rebellion. Gli scenari di gioco, infatti, da un lato si presentano più vari e diversificati in termini estetici grazie alle diverse zone geografiche tipiche della nostra penisola, dall’altro si rivelano poi estremamente ben studiati come ampiezza (primo episodio a presentare le mappe “sandbox”) e complessità strutturale (con numerosi dislivelli a offrire notevole composizione ambientale). L’esplorazione ne guadagnerà sotto tutti i punti di vista, sia per apprezzare le fantastiche zone ricreate dagli sviluppatori, che per trovare i migliori punti di appostamento e attacco per riuscire a raggiungere i nostri obiettivi bellici.

5 Commenti

  1. Ci sono! Prima ho avuto la fortuna di trovarlo a 28€ su amazon, peccato per quei 5€ di spedizione altrimenti l’avrei pagato ancora meno. Mi arriverà sicuramente la settimana prossima.
    Comunque non mi è chiaro come funzionino i livelli di difficoltà… nel 2 il livello di difficoltà massimo ti toglie gli aiuti alla balistica e mi sta bene ma ci sono i checkpoint, mentre invece nel 3 i checkpoint non ci sono. Infatti nel 3 mi rompeva le palle ricominciare sempre la missione da capo in caso di morte e allora mi sono messo a giocarlo da personalizzato. Nel 4 come siamo messi? So che c’è anche un altro livello di difficoltà + che è scbloccabile ma nessuno mi ha detto com’è strutturato

  2. Ma il download gratuito per la modalità online vale anche per l’edizione standard?
    Purtroppo per avvalersi del pass, bisogna comprare l’edizione completa e quella è solo in DD e non posso permettermi di bruciarmi spazio così su SD per giochi che ci sono anche fisici. Mi tocca aspettare tagli di prezzo per i DLC, non ho altra scelta, tanto andrò a comprare solo le missioni, armi e personaggi aggiuntivi non mi interessano.
    Devo ancora cercare di scoprire quanto sono lunghe queste missioni aggiuntive però… quella di Hitler, sicuramente durerà circa un ora a suon di tentativi, ma dopo una o due volte, durerà poco perché già la si conosce e 9,99 per una missione così sono troppi. Le altre invece sono 6,99 e sono 2 mini campagne divise in 3 parti e queste sembrano già più lunghe ed articolate.

    • Il gioco base ha 8 missioni e non durano poco, coi vari tentativi..io ti consiglio di fare quelle e il multi online. Poi vedrai i singoli DLC di volta in volta. Per la difficoltà, la differenza più grossa sta nella AI dei nemici, da quanto ho testato!