Windjammers 2: la recensione

Un grande classico ritorna dopo tre decadi, più in forma che mai!

Nel corso di questa generazione abbiamo assistito a una vera e propria esplosione del mondo indie su console Nintendo, con una varietà, un numero e una qualità media di produzioni davvero impressionante. Accanto alle produzioni di casa made in Kyoto, soprattutto nel primo periodo di valutazioni tiepide da parte di alcune tra le più grandi software house terze parti del mondo, sono stati i piccoli gruppi di programmatori e publisher indipendenti a ritagliarsi una grande fetta del cuore degli appassionati. Sin dagli albori, uno studio francese ha saputo leggere il mercato e dedicare sforzi e passione al pubblico di Nintendo, con operazioni strategiche ma, allo stesso tempo, cariche di cura artistica e valori ludici. Parliamo di DotEmu, team francese che ha saputo affermarsi agli occhi dei possessori di Switch con diverse operazioni nostalgia, fortemente rivisitate in chiave sia stilistica che di interazione ed intrattenimento: tra le più popolari ricordiamo la pubblicazione dello splendido Wonder Boy: The Dragon’s Trap, Street of Rage 4 o la prossima avventura delle Tartarughe più famose del mondo (Teenage Mutant Ninja Turtles: Shredder’s Revenge). Mal quantomeno agli occhi del sottoscritto, niente può avvicinarsi all’emozione di riprendere in mano e rinfrescare l’esperienza di un titolo arcade pubblicato per la prima volta circa trent’anni fa, fruito per lo più in sala giochi: parliamo ovviamente di Windjammers 2, finalmente disponibile tra le nostre mani!

Il titolo originario, ormai di diversi anni fa, è uno dei capisaldi della concezione ludica arcade, tipica da sala giochi: tanta frenesia e divertimento, molta leggerezza in termini stilistici e contenutistici, grandissima immediatezza e, ammettiamolo, un pizzico di superficialità (intesa come la mancanza di un’estrema profondità o varietà di interazione, soprattutto nelle sfide tra giocatore umano e intelligenza artificiale). Pezzo forte: divertimento in singolo, esaltazione in compagnia. Difficile, nei tempi moderni, riprendere in mano una impostazione di questo tipo e renderla appetibile al di là di un semplice, ma irresistibile, effetto nostalgia, eppure lo ammettiamo in maniera onesta e sincera: DotEmu è riuscita nell’impresa. Per farlo, è stato portato avanti un processo certosino di ripresa degli elementi cardine, caratterizzanti il titolo precursore del brand, affiancato dall’introduzione, rispettosa e non aggressiva, di svariati aspetti nuovi e al passo coi nostri tempi. Il risultato è un equilibrio divertente, senza dubbio ammirevole seppur non perfetto, capace di presentarci un pacchetto assolutamente di primo livello, nel panorama indie del Nintendo eShop.

Windjammers 2 Recensione: la rinascita di un mito delle sale giochi

Tra le cose che balzano all’occhio come fedeli all’originale troviamo senza dubbio la giocabilità di base, fatta di uno strano sport inesistente a metà strada tra il frisbee, il tennis, il padel e…un picchiaduro. Campi sportivi bizzarri nei quali personaggio sopra le righe si fronteggiano in adrenalinici scambi di dischi senza esclusione di colpi, tra super mosse di fiamme e balzi acrobatici, con lo scopo di segnare punti superando l’avversario e portarsi a casa il maggior numero di set possibili. I riflessi la fanno da padrone, visti i continui e a tratti inaspettati e ingannevoli rimbalzi del disco sulle pareti delle arene, con tanto di colpi ad effetto, imprevedibili ostacoli ambientali e velocità di esecuzione alternate, capaci di mettere alla prova i nostri riflessi, sia percettivi che meccanici, in una continua stimolazione del nostro livello di attenzione. Tutto questo era già presente trent’anni fa, e lo si ritrova al pieno del suo potenziale di divertimento anche in questo seguito, intatto nella capacità di intrattenere in maniera almeno apparentemente semplice. Ma, forte del suo ruolo di vero e proprio nuovo capitolo, anche sotto il profilo evolutivo, della serie e non di semplice ripescaggio di un retaggio del passato, Windjammers 2 è anche qualcosa di più, o quantomeno di diverso.

PUBBLICITÀ
PUBBLICITÀ

ARTICOLI CORRELATI

Prossimo articolo

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ULTIMI COMMENTI

Ben tornato!

Effettua l'accesso

Crea un account!

Compila i seguenti campi per registrarti

Recupera password

Per favore, inserisci il tuo Username o la tua Email per recuperare la password.

Crea nuova Playlist