XIII: la recensione

Senza memoria e accusato dell'omicidio del presidente degli Stati Uniti. E' in questa poco invidiabile situazione che si risveglia l'agente numero XIII, sta a noi aiutarlo nella strada verso la verità in questo attesissimo remake di un classico dei primi anni 2000.

XIII Remake è appunto il remake firmato Microids dell’iconico FPS in cel-shading del 2003, adattamento dell’omonima graphic novel belga dell’artista William Vance e dello scrittore Jean Van Hamme. In realtà quello che abbiamo tra le mani potrebbe definirsi il remake del remake dato che si tratta di un rifacimento della versione uscita nel 2020 (all’epoca non per Nintendo Switch), purtroppo afflitta da una serie di problemi tali da spingere la stessa Microids ad ammetterne la presenza (peraltro fortemente evidenziati dagli utenti) e a ricominciare il processo di sviluppo praticamente da capo, con una nuova collaborazione (Tower Five, sviluppatore francese conosciuto soprattutto per Lornsword: Winter Chronicle). Lo studio di sviluppo, chiamato a mettere una grossa pezza sui problemi della versione precedente, ha rielaborato l’intero gioco, dalla direzione artistica maggiormente fedele allo stile grafico originale, all’intelligenza artificiale, comparto sonoro e gameplay migliorato, nonché l’implementazione della tanto attesa modalità multigiocatore online.

La storia dovrebbe essere nota ai più e comunque dovrebbe suonare familiare a chiunque avesse visto la saga The Bourne Identity con Matt Damon, che ha davvero molti punti in comune con la storia del nostro sventurato XIII. Un video introduttivo ci mette al corrente del drammatico omicidio del Presidente Sheridan, avvenuto con modalità molto simili a quelle dell’omicidio Kennedy, a seguito del quale inizia una massiccia caccia all’uomo. Il nostro anonimo protagonista si sveglia ferito e con una totale amnesia in prossimità di una spiaggia sconosciuta. L’unico indizio riguardo la nostra identità è il numero XIII tatuato sulla clavicola e la chiave di un armadietto. La memoria è andata ma il nostro fisico si ricorda perfettamente delle routine di combattimento che possono essere proprie solo di un agente governativo ben addestrato. Pezzo dopo pezzo il passato comincerà a riemergere scoprendo qual è stato il nostro ruolo nell’omicidio del presidente degli Stati Uniti e svelando la più incredibile cospirazione nella storia del Paese.

Dunque come gira questo re-remake? Onestamente, dovendo basarci solo sulla versione Switch che abbiamo provato e senza quindi considerare quello che è stato, XIII Remake si è rivelato divertente, aggiornato il giusto e comunque tutto sommato con rispetto per quello che è stato un classico dei primi anni 2000. Graficamente è stato ben riprodotto il feeling “fumettoso” del gioco originale nel quale, complici i baloon con i classici effetti sonori onomatopeici “BOOOM!”, “CRASH””, “OUCH!”, nonchè le grosse bordature nere a contornare personaggi ed ambientazioni, la sensazione di essere all’interno di un comic è ancora ben percepibile. Tuttavia, questa fedeltà all’originale è rimasta anche in alcuni aspetti un po’ legnosi di gameplay dei quali invece avremmo fatto volentieri a meno (uno su tutti la difficoltà di mettere correttamente nel mirino i nostri avversari, soprattutto quando ci troviamo coinvolti in uno scontro a fuoco a distanza, complice un sistema di auto puntamento ancora non esente da problemi).

PUBBLICITÀ

Il comparto audio è rimasto esattamente quello del gioco del 2003 il che non è un male dato che funzionava egregiamente. Inoltre la completa localizzazione in italiano dei dialoghi e dei testi è molto gradita in questo periodo storico nel quale questa attività viene spesso riservata solo ai titoli top. XIII ha in questa versione mantenuto il fascino ed il divertimento dell’originale, l’avventura scorre piacevolmente e tutto sommato senza intoppi degni di nota. La tanto attesa modalità multiplayer online non è stata qui testata in quanto evidentemente le copie del gioco in circolazione non sono ancora sufficienti per avviare un match making soddisfacente.

La recensione

7 Il voto

A 20 anni dal suo lancio XIII torna sui nostri schermi tirato a lucido in un remake che riesce a rendergli giustizia, nonostante qualche piccola imprecisione evitabile. Alcuni aspetti, portati ai giorni nostri, appaiono un pò troppo legnosi e spigolosi ma sono difetti sui quali si può sorvolare a fronte di un'avventura che rimane divertente, ben ritmata ed interessante fino alla fine.

Valutazione

  • Il votaccio insert 0
PUBBLICITÀ

ARTICOLI CORRELATI

Prossimo articolo

Lascia un commento

PUBBLICITÀ

ULTIMI COMMENTI

Ben tornato!

Effettua l'accesso

Crea un account!

Compila i seguenti campi per registrarti

Recupera password

Per favore, inserisci il tuo Username o la tua Email per recuperare la password.

Crea nuova Playlist